Player Analysis – Rick Karsdorp

20.08.2017 11:01 di Redazione FS24 Twitter:    Vedi letture
Fonte: matchstudio.wordpress.com
Player Analysis – Rick Karsdorp

Rick Karsdorp nasce a Schoonhoven, piccolo comune dell’Olanda famoso per la produzione dell’argento, l’11 febbraio 1995. La sua carriera è legata a doppio filo al Feyenoord, società di Rotterdam nella quale approda dopo aver dato i primi calci a un pallone nella squadra della sua città natale. Nel 2012 esordisce, diciassettenne, nella formazione under 19 del Feyenoord mentre nella stagione successiva colleziona presenze anche nella formazione under 21. In questi primi anni di carriera Karsdorp, oggi terzino destro, viene prevalentemente utilizzato come centrocampista centrale e sporadicamente addirittura come trequartista mostrando anche un discreto senso del gol (5 reti in 25 presenze nella stagione 2013/2014). L’esordio in prima squadra avviene addirittura in Champions League nel preliminare perso dal Feyenoord contro il Besiktas del 6 agosto 2014. Nella prima stagione da professionista colleziona ben 25 presenze diventando titolare inamovibile nel suo nuovo ruolo di terzino destro nella seconda parte di stagione. Le ultime due stagioni sono quelle della definitiva consacrazione: 35 presenze più di 3000 minuti in campo e ben 10 assist nel 2015/2016; 41 presenze più di 3500 minuti giocati e 7 assist nella passata stagione. Fa parte della nazionale olandese dall’ottobre 2016 e ha collezionato finora 3 presenze.

PROFILO FISICO ATLETICO

Le doti atletiche di Karsdorp sono ottime: gli 80kg distribuiti in 184cm rendono Rick un giocatore estremamente roccioso, molto difficile da superare sia nel corpo a corpo sia in velocità. La qualità migliore del terzino olandese è la resistenza allo sforzo, fondamentale per un ruolo che richiede grande dispendio di energie, che gli permette di essere performante verso il termine della partita allo stesso modo che nei primi minuti del match. Bene sia scatto sia allungo, ottimo come forza nelle gambe può migliorare invece nell’elevazione e di conseguenza nel colpo di testa.

PROFILO TECNICO

Karsdorp è un destro naturale che usa poco il piede debole ma ha una sensibilità e una tecnica decisamente superiori alla media del ruolo retaggio dei suoi trascorsi giovanili come centrocampista centrale. Ottimo nella ricezione, ama stoppare il pallone con la suola del piede e diventa spettacolare quando deve addomesticare al volo palloni alti. Molto efficaci e precisi i lanci lunghi in verticale e i cross che permettono al giovane olandese di effettuare molti assist, 17 nelle ultime due stagioni, per i compagni. Semplicemente devastante la progressione palla al piede che segue spesso un dribbling a rientrare e che crea scompiglio nelle difese avversarie. Infine nei passaggi brevi predilige prevalentemente due giocate: o l’appoggio all’indietro al portiere senza correre il rischio di perdere il pallone o il passaggio a scavalcare l’avversario con la punta del piede per far arrivare una palla morbida al compagno che gioca davanti a lui in fascia.

PROFILO TATTICO OFFENSIVO

Karsdorp nell’ultima annata al Feyenoord ha interpretato il ruolo di terzino destro in maniera sicuramente originale e atipica. Partecipa poco al giro palla dei difensori con il quale inizia l’azione e sfrutta il movimento ad abbassarsi dell’esterno alto per attaccare la profondità internamente tra terzino e difensore centrale avversario. Questo movimento è di difficile lettura per qualsiasi retroguardia per via dell’effetto sorpresa che si genera. Inoltre una volta entrato in possesso palla in zona cross riemerge la sua visione di gioco eccelsa che deriva dai primi anni giocati come centrocampista e quindi sono frequenti i passaggi smarcanti anche discretamente fantasiosi per i compagni. Infine grazie alla sua ottima progressione palla al piede precedentemente descritta e a un atletismo fuori dalla norma per resistenza e velocità è un elemento fondamentale nella fase di transizione positiva della squadra.

PROFILO TATTICO DIFENSIVO

La peculiarità del gioco difensivo di Karsdorp risiede nella capacità di effettuare recuperi in diagonale anche molto profondi. Sfruttando le sue caratteristiche fisiche e un’intelligenza calcistica ben sviluppata il giovane terzino olandese riesce spesso a intercettare palloni veramente pericolosi per la propria retroguardia. Esegue marcature preventive praticamente a uomo e tutto campo spostandosi anche molto dalla sua posizione originaria pur di seguire il suo avversario diretto. Il suo atletismo è fondamentale sia negli angoli a favore, nei quali è sempre l’ultimo uomo della propria squadra, sia nella fase di transizione negativa.

PROFILO PSICOLOGICO

Karsdorp spicca sicuramente per lo spirito di squadra che riesce a trasmettere tramite le sue giocate grintose ai compagni e addirittura ai supporter che in Olanda l’avevano assunto a idolo della tifoseria. È un giocatore anche molto intraprendente nel modo di giocare, che si assume spesso responsabilità anche superiori a quelle richieste per via di uno spirito di sacrificio veramente encomiabile. Come la grande maggioranza dei giocatori giovani fatica a trovare continuità di prestazione sia nell’arco della stagione, sia durante le diverse fasi dello stesso match