Analisi del Singolo: Karlo Butic dell’Inter Primavera

18.06.2017 14:30 di Redazione FS24 Twitter:   articolo letto 140 volte
Fonte: www.assoanalisti.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Analisi del Singolo: Karlo Butic dell’Inter Primavera

Prosegue il viaggio alla scoperta di giovani talenti di prospettiva  in giro per il mondo, in questo contributo ci soffermeremo sulla formazione Primavera dell’Inter nella quale  , da questa stagione , si è aggiunto un nuovo giovane talento di prospettiva : l’attaccante Karlo Butic.

 

Nato il 21/08/1998 a Zadar , 188 cm di altezza per 80 kg di peso , Butic viene acquistato la scorsa stagione dalla società di seconda divisione croata dell’NK Zadar  nella quale  ha collezionato 28 presenze e 6 reti nell’ultimo campionato.

 

In questo primo Campionato  di Primavera , invece , il possente n.9 croato ha finora  collezionato 10 presenze con all’attivo 1 rete ed 1 assist ( contro la Salernitana ) , n.1 presenza  in Coppa Italia Primavera , n.1 presenza nella Supercoppa Primavera  ed ha conquistato il titolo di capocannoniere della Viareggio Cup 2017 con 6 reti , dimostrando di essere un elemento di assoluto valore sui cui si può puntare , in grado di poter sostituire degnamente Pinamonti sempre più in orbita Prima Squadra.

 

Viene schierato spesso come punta centrale nell’ 1-4-3-3 di Mister Vecchi , la sua capacità di giocare la palla ad uno-due tocchi con il compagno di reparto, nonostante la pressione avversaria,  dimostra  che può essere in grado anche di giocare nella posizione di seconda punta.

 

Il suo piede forte è il sinistro ,  la sua struttura fisica ed il tiro in porta sono i suoi punti di forza , infatti sa sfruttare bene le sue doti fisiche nel gioco aereo , sia nei colpi di testa sia nei contrasti , e nella difesa della palla dove si contrappone bene tra palla ed avversario rendendone difficile il recupero all’avversario.

 

In fase di non possesso palla , Butic è uno dei primi elementi della linea di attacco che esegue una pressione verso il portatore di palla avversario quando il gioco viene costruito dal basso  , spesso va a contrasto per cercare il recupero della palla e dimostra grande generosità lavorando per la squadra ripiegando spesso verso il centrocampo.

 

La sua abilità nei contrasti aerei viene spesso sfruttata anche nelle situazioni di palle inattive a sfavore , dove si posiziona spesso sul secondo palo a copertura di eventuali inserimenti avversari o per contrastare eventuali schemi nei quali sono previste “torri” verso il centro della propria area di rigore , cercando di agevolare le eventuali situazioni di transizioni positive che si possono creare dopo aver aiutato nel recupero della palla.

 

Viene spesso cercato dai compagni  con lunghi lanci ed  i suoi ripetuti smarcamenti con corsa verticale in avanti aiutano ad allentare la pressione avversaria sulla linea di difesa ,  questi smarcamenti  , sommati alla sua abilità nella ricezione dorsale alla porta avversaria , agevolano le transizioni positive e le azioni di attacco alla porta, azioni che Butic sviluppa trasmettendo la palla sulle corsie esterne o  eseguendo  dei passaggi filtranti a favorire l’inserimento dei centrocampisti.

 

La sua struttura fisica non gli consente di avere una grande rapidità di corsa con e senza palla su lunghe distanze  , ma sa aggredire bene gli spazi davanti a sé nel breve e nel medio tratto di campo  ed è rapido negli smarcamenti.

 

Recenti voci di mercato dicono che abbia già diverse richieste e che sia sotto la lente di ingrandimento di alcune squadre…