Analisi del Singolo: Ahmed Touba del Club Brugge (u21)

01.05.2017 11:27 di Redazione FS24 Twitter:   articolo letto 67 volte
Fonte: assoanalisti.it
Analisi del Singolo: Ahmed Touba del Club Brugge (u21)

Come ogni anno il Torneo di Viareggio mette in vetrina tantissimi giovani talenti da tutto il mondo , sia italiani che stranieri.

In questo contributo ci soffermeremo ad analizzare il giovane Ahmed Touba del Club Brugge  e prenderemo in esame , con un video associato a questo contributo , la gara della prima giornata del Viareggio Cup disputata dal Club Brugge contro il Genoa.

Questo giovane di origini algerine classe 1998 ( 13/3/98 ) è un possente esterno basso di sinistra di 184 cm di altezza ed 81 kg di peso.

Acquistato in giovanissima età dal Zulte , è diventato il punto fermo degli 11 titolari dell’ U21 del Club Brugge : il n. 5 algerino  viene schierato come esterno basso di difesa ,  a sinistra , nell’ 1-4-3-3 di Mister Sven Vermant  e la sua velocità gli permette di essere utilizzato  anche come esterno di centrocampo .

In questa stagione Touba ha collezionato 8 convocazioni in prima Squadra senza mai scendere in campo , 2 presenze ed una rete in questa edizione della Viareggio Cup ( contro la Berretti del Parma ) e 6 presenze con un assist nella UEFA Youth League , con le sue prestazioni sta ben impressionando gli osservatori di parecchie squadre di Serie A e non solo.

Il piede forte di Touba è il sinistro e fa della velocità una delle sue armi migliori.

Questa caratteristica infatti risulta essere molto preziosa per la sua squadra in entrambe le fasi di gioco.In fase di possesso palla collabora spesso eseguendo trasmissioni uno-due con il centrocampista esterno di sinistra il quale , giocando a ridosso del play di centrocampo , libera spazio sulla catena estera per Touba che può aggredire lo spazio in profondità , palla al piede , creando spesso situazione di superiorità  numerica e di 1vs1 puntando in velocità frontalmente l’avversario.

Sempre in fase di possesso , possiamo apprezzare Touba anche nei movimenti senza palla e nelle sue veloci sovrapposizioni , da una situazione di sovrapposizione infatti è scaturita l’azione che ha portato alla concessione del rigore per il Brugge ( momentaneo 0-1 ) : con la sua velocità ha potuto aggredire frontalmente la linea di difesa avversaria senza palla mentre questa indietreggiava correndo a protezione della porta dando a Touba le spalle e facilitando chiaramente a quest’ultimo la giocata senza palla.

In fase di non possesso  possiamo notare come Touba sia abile a leggere le traiettorie avversarie anticipando spesso l’avversario contrapponendo il corpo tra palla ed avversario  , inoltre sa sfruttare la sua velocità per eseguire rapide chiusure a protezione della propria porta ed è abile a sfruttare la sua struttura fisica per contrapporsi tra palla ed avversario; molto bene anche negli intercetti bassi dove dimostra sempre di essere deciso nel cercare il recupero ed una veloce transizione positiva.

Personalmente ritengo che questo forte n.5 del Club Brugge abbia una doppia dote dalla quale il gioco collettivo della propria squadra trae vantaggio : infatti i suoi costanti movimenti senza palla garantiscono sempre ampiezza e profondità durante la costruzione dell’azione , dando la possibilità di conseguenza ai compagni di contare su importanti e continui appoggi utili al mantenimento del possesso palla ed avanzare verso la porta avversaria in superiorità numerica.