Classe 2001, tecnica e spinta offensiva: ecco Emin Ghazoini, il nuovo protagonista delle giovanili ciociare

06.08.2017 19:01 di Redazione FS24 Twitter:    Vedi letture
Fonte: Andrea Pontone - tuttofrosinone.com
© foto di Federico Gaetano
Classe 2001, tecnica e spinta offensiva: ecco Emin Ghazoini, il nuovo protagonista delle giovanili ciociare

Il Frosinone per il futuro ha bisogno di certezze, ed una di queste porta il nome di Emin Ghazoini. È lui il terzino di cui il club canarino ha bisogno per l’avvenire: roccioso, prorompente, dalla stazza fisica impetuosa, con un aspetto dirompente e una tecnica insolita per le fisionomie di un difensore. Contiene alla grande le avances avversarie, semina il panico quando prende palla. Il suo ruolo naturale è quello del terzino destro, ma può ricoprire ogni posizione del pacchetto difensivo. Per schierarlo in campo, c’è l’imbarazzo della scelta. Ed ha avuto modo di mettere in luce le sue grandi qualità nella scorsa stagione, quando si è espresso per la prima volta con la casacca frusinate.

Italo-marocchino, originario di Roma, il suo trampolino di lancio ha portato il nome dell’Urbetevere, suo filo diretto con il calcio professionistico: Ghazoini ha compiuto il grande salto tra i professionisti grazie alla splendida stagione 2015/2016 con i Giovanissimi Fascia B Elite di Alessandro Brunelli. Nell’ultimo anno il giocatore ha preso parte al campionato dei Giovanissimi Nazionali con i canarini, risuonando ogni volta come uno dei migliori in campo e in linea di massima il migliore della regular season giallazzurra.

Sei apparizioni con l’under-17 del Marocco, 2 presenze nel vivaio della Nazionale italiana. Fin quando si parla di giovanili, è un discorso che a fin di legge ci può stare. Ma quando arriverà il grande momento, Ghazoini sarà chiamato alla scelta. E la sua decisione, al momento, sembra pendere in direzione dell’azzurro: il c.t. Rocca (dell’Under-15) l’ha sempre stimato e valorizzato, così come Mister Zoratto, che vede in lui il terzino del futuro per la Nazionale maggiore.

E intanto il Frosinone se lo tiene ben stretto: è da un anno a questa parte che Emin s’impegna, corre, fino all’infinito, su quella fascia che oramai ha fatto sua. Con tecnica da vendere (nonostante la giovane età) e tanto dinamismo al servizio della squadra. Garanzia difensiva, imprevedibilità in fase d’attacco. E un futuro che si prospetta roseo, ma allo stesso tempo a tinte giallazzurre: è lui il difensore del futuro. Per un Frosinone che, come ribadito dal Presidente Stirpe, vorrà dare spazio ai giovani e lanciarli nell’ambito del calcio internazionale.