La Spisa e Ferrarello consigliano – El Monito Vargas, la nuova stella del Velez

13.09.2017 09:40 di Redazione FS24 Twitter:    Vedi letture
Fonte: Francesco Fedele
La Spisa e Ferrarello consigliano – El Monito Vargas, la nuova stella del Velez

 

Vivaio storicamente tra i più floridi dell’Argentina, la tradizione ha dato nuovamente ragione al Velez che, come illustreremo quest’oggi con l’aiuto dell’osservatore Tommaso Ferrarello, ha costruito in casa la sua nuova stella. Nome Matias, cognome Vargas, soprannome “El Monito”.

JOYA – Esatto, perché è proprio questo ciò che rappresenta Vargas per il suo club. Nasce l'8 Maggio 1997, ed esordisce nel 2015 a soli 18 anni nella Primera División Argentina. Dopo essersi inizialmente diviso tra prima squadra e Reserva, entra in pianta stabile nel “plantel profesional” del Fortín e, nella passata stagione, registra 16 presenze condite da 4 gol, un bottino sicuramente rilevante se consideriamo che parliamo di un ragazzo alla prima avventura tra i professionisti.

CARATTERISTICHE TECNICHE – Giocatore dalle importanti qualità tecnico-tattiche, Vargas viene impiegato principalmente come centrocampista esterno sinistro (CES) in un modulo 1-4-4-2, oppure come attaccante trequartista centrale (ATC) in un 1-4-2-3-1. Giocatore brevitipo di bassa statura (1.68 cm per 66 kg), dotato di una buonissima tecnica e dominio del pallone, bravo nel primo controllo. Quando parte da sinistra ama rientrare verso il centro del campo per sfruttare il suo piede preferito, il destro, con il quale cerca la porta oppure (soprattutto) il passaggio per un proprio compagno. Nonostante i gol arrivati e prima citati, Vargas è un ottimo produttore di assist, anche grazie all’importante visione di gioco di cui è dotato. Molto rapido nei movimenti, si mette in evidenza anche nel dribbling nello stretto e nella capacità di creare superiorità numerica.

OBIETTIVO MIGLIORARE – Esatto, perché i margini ci sono e sono davvero ampi. Giocatore davvero giovane e quindi con delle piccole cose ancora da limare, Vargas deve crescere per quanto riguarda il suo “piede debole”, il sinistro, ed inoltre pecca ancora di intensità nei 90 minuti, elemento abbastanza comune nei giocatori estrosi come lui.

Ragazzo che si farà, come si suol dire, e che speriamo di vedere presto nel Vecchio Continente. D'altronde, quando si pesca in casa Vélez Sarsfield, difficilmente ci si sbaglia…

Potrebbe essere utile a: Fiorentina, Lazio, Udinese, Sampdoria, Bologna, Atalanta.