Promesse del calcio: Roberto Biancu

 di Redazione FS24 Twitter:   articolo letto 39 volte
Fonte: promessedelcalcio.blogspot.it
Promesse del calcio: Roberto Biancu

Senza dubbio, uno dei "Millenials" più talentuosi di tutto il panorama italiano è Roberto Biancu, centrocampista centrale di proprietà del Cagliari, quest'anno in prestito all'Olbia. Nato a Sassari nel gennaio del 2000, viene subito notato ed invitato per un provino da società blasonate come Sampdoria e Cagliari. Ed è proprio la squadra sarda a strapparlo alla concorrenza e ad aggiudicarselo, puntando molto sulle origini isolane del ragazzo.

Dopo il primo anno passato tra gli Allievi Nazionali e nonostante fosse sotto età, Biancu comincia a collezionare qualche presenza anche con la Primavera e nel frattempo viene convocato nelle rappresentative nazionali, prima con l'U15 di Zoratto, dove mette a referto una segnatura in 5 partite e poi con l'U16 di Bigica, dove trova ancora una volta il gol, ma in 14 presenze.

Il tempo passa e Roberto matura, sia dal punto di vista caratteriale, sia da quello calcistico, riuscendo finalmente a prendere le redini del centrocampo del Cagliari Primavera, una squadra che ha stentato in campionato, ma comunque capace di dare risalto a giocatori giovani proprio come Biancu. Maturazione che ha convinto anche Massimo Rastelli - tecnico della prima squadra - a portarlo più volte in panchina ed a farlo esordire in Coppa Italia, da subentrante, nella sfida persa per 3-0 contro la Sampdoria ed in Serie A, nell'ultima giornata di campionato, dove il ragazzo ha giocato 10 minuti contro il Milan. Dopo una stagione ad alti livelli che gli ha permesso di consacrarsi definitivamente, in estate arriva l'interesse di importanti club come Roma e Sampdoria, proprio quando il giovane Biancu conosce l'esordio anche nell'U18 azzurra. 

Attualmente è in prestito all'Olbia, società che milita in Serie C e nelle poche apparizioni fatte finora, ha messo in mostra le sue migliori doti, come l'assist a Ragatzu nella partita contro il Cuneo. Nasce come centrocampista centrale, ma può giocare sia dietro le punte, sia davanti alla difesa. Non è dotato di una stazza così imponente da permettergli di giganteggiare in mezzo al campo, ma sa calciare molto bene e grazie ad un'ottima tecnica di base, si dimostra abile nelle verticalizzazioni e a giocare la palla con pochi tocchi. Da buon regista sa dettare i tempi di gioco, diventando pedina imprescindibile anche per la costruzione della manovra offensiva.

Biancu è stato definito da Daniele Conti (ex capitano dei sardi che può vantare 464 presenze con la maglia rossoblu) come il futuro del Cagliari e questo non può che fargli piacere. Proprio seguendo le orme di Conti, Roberto continua a crescere giorno dopo giorno tenendo ben saldi i piedi per terra, consapevole che solo attraverso il lavoro potrà ottenere risultati importanti e togliersi grandi soddisfazioni.