Promesse del calcio: Hans Nicolussi Caviglia

19.01.2018 18:14 di Redazione FS24 Twitter:   articolo letto 685 volte
Fonte: promessedelcalcio.blogspot.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Promesse del calcio: Hans Nicolussi Caviglia

Generazione di fenomeni o di… Millennials. Il brano degli “Stadio” suona come una rosea previsione. La Serie A del domani inizia così a prendere confidenza con i nomi dei talenti del futuro.

Oggi, il nostro approfondimento, è dedicato ad un gioiellino che sta crescendo nel vivaio della Juventus. Prendete nota prego: Hans Nicolussi Caviglia. Nasce il 18 giugno 2000 ed Aosta è la sua città natale. Nel fulcro del settentrione si cresce spesso a pane e neve. Lo sci costituisce l’attività agonistica per eccellenza. Hans invece sogna un pallone tra i piedi. Trasformare l’innocente immaginazione di un bambino in realtà non è come bere un bicchier d’acqua.

Il treno ad alta velocità per il paradiso del calcio si ferma proprio ad Aosta nel 2008. Il piccolo Hans partecipa infatti ad un provino organizzato dai responsabili della cantéra bianconera. Gli occhi dei tecnici mettono subito radici su quel ragazzetto che accarezza la sfera e tiene sempre la testa alta. Tra la folla di pretendenti, la Vecchia Signora è la più lesta ad adottare Caviglia.

L’itinerario è completo. Il tour in tutte le categorie delle giovanili non trova ostacoli. Nel tempo si stabilizza l’assetto tattico. Il settore centrale del campo si trasforma nel nido di Hans. Diventa presto un giocatore camaleontico e nella sua testa, il ruolo prediletto, è quello di interno di centrocampo.

In casi di necessità può fare pure il trequartista o l’esterno offensivo. Usa il piede destro con dimestichezza assoluta. Dotato di una tecnica elevata e pronta ad aumentare con ulteriore lavoro sul campo, potrebbe tranquillamente prendere in mano la bacchetta, stazionando in cabina di regia.

Struttura fisica? 1,80 di altezza. In effetti deve cresce ancora nella muscolatura. Senza esagerare però, altrimenti si rischia di condizionare la sua vena fantasiosa.

Nella Primavera di mister Dal Canto è uno dei punti saldi con soventi apparizioni nell'11 titolare. Tra campionato, Coppa Italia e Youth League conta 17 gettoni con 2 reti siglate. Trovano spazio anche ben 24 presenze con la Nazionale italiana U17 con altre 2 marcature messe a segno.

Kevin De Bruyne è il suo idolo. Imitare le orme del belga allievo di Guardiola sarebbe incredibile, quasi titanico, ma non impossibile per un talento puro come Hans Nicolussi Caviglia.