Mecup 2017 cat. U15: Odense non impressiona, City avanti ai rigori. Il club inglese al torneo con 'opposition scout'

17.04.2017 10:18 di Redazione FS24 Twitter:    Vedi letture
Mecup 2017 cat. U15: Odense non impressiona, City avanti ai rigori. Il club inglese al torneo con 'opposition scout'


E' partita mercoledì 12 Aprile la Mecup 2017: torneo internazionale destinato alle selezioni giovanili Under 11-13 e 15 che viene disputato a Minorca in Spagna. Tanti i top club presenti all'evento:   Barcellona, Atletico Madrid, Espanyol, Paris SG, Manchester City, Arsenal., Borussia Dortmund, CSKA Moscow, Genk , America México, Aspire Academy (Qatar), Mitdjylland (Denmark), Inter Milan Academy Base Brasil, Kashiwa Reysol e Tokushima (Giappone).

Footballscout24, grazie alla preziosa collaborazione di mister Eugenio Sena potrà offrivi in esclusiva i resoconti dei match più importanti e le schede dei migliori talenti del prestigioso torneo spagnolo


Atletico Baleares-Odense 0-0 cat. U15


L'Odense ha pareggiato con l'Atletico Baleares, ma erano già noti gli accoppiamenti per il turno successibo: entrambe le squadre hanno schierato un 1-4-3-3, i danesi sono giocatori molto fisici, ma manca comunicazione

Manchester City-Boavista 0-0 cat. u15

Il Manchester si aggiuda il passaggio ai quarti di finale grazie ai rigor, contro un Boavista ben organizzato che esce a testa alta da questa competizione. La partita è terminata con il risultato di 0-0, ma pur essendo stata una partita a scacchi per alcuni tratti, non sono certe mancate le occasioni da una parte e l'altra. Cambio di modulo per il City, unica squadra del torneo a servirsi di un opposition scout: gli inglesi schierano una difesa a 4 con terzini istruiti più alla copertura e al sostegno che alle sovrapposizioni. A completare il modulo, ci sono 3 centrocampisti, 2 esterni e la punta Lewis. Tattica principale collettiva è stata il pressing alto per tutto il primo tempo per attaccare l'area del portiere Manturo. In particolare la pressione sul lato sinistro ha portato buoni frutti, ma nessuna realizzazione per i Citinzens.
Il Boavista si presenta con un 4-3-1-2 con due attaccanti che entrambi spalle alla porta, c'è stata comunque una  buona impostazione da dietro e la creazione di rombi e triangoli mobili. La regola della torneo prevedere i tiri di rigore dopo i minuti regolamentari è l'errore fatale di Reisa mette fine al cammino dei portoghesi.